Jolene (2008) watch online
Sinners and Saints (2010) online
Into the Abyss (2011) online

Impegni ed Eventi

Gennaio 2018
Lun Mar Mer Gio Ven Sab Dom
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
31

Newsletter

Subscribe Here


Ricevi HTML?

Login

Maria - Donna fra le donne

Gruppo Culturale Nexus

 L’idea di organizzare una mostra su questo tema è nata dall’esperienza fatta durante il III corso di iconografia, svoltosi a Ghedi nel 2014-15, e che ha portato alla realizzazione dell’Icona della Madre di Dio di Novgorod, e dalla ormai matura necessità, non solo di un ripensamento dei rapporti tra la chiesa e la donna, ma anche tra persone credenti e non credenti. Ripensare Maria porta a ripensare la donna e da questo “ripensamento comune” può nascere un’esperienza di dialogo tra artisti con diversi punti di vista.

Maria di Nazareth è l’esempio del rispetto dell’Altro che la donna accetta liberamente di portare dentro di sé senza con-fusioni.                   

E’ l’esempio di come una Donna libera, fiduciosa e responsabile possa cambiare il mondo a partire dal suo ruolo nella famiglia di ieri e di oggi.

 

Con Maria la visione della donna è quella di una donna come protagonista. Una figura centrale nel cuore stesso del Cristianesimo cioè nell’Incarnazione di Cristo. Per la fede cristiana Maria è la più importante donna della storia e la più grande di tutte. Giovanni Paolo II nell’Enciclica Mulieris Dignitatem ha scritto che “Maria è l’archetipo della personale dignità della donna”. Maria cioè è il modello primo, lo stampo originale, il “tipo primo” su cui modellare o “stampare” la dignità della donna.

Edith Stein, una delle grandi donne del secolo scorso, ha scritto: “Maria è il prototipo della genuina femminilità”. È questa un’affermazione importante, fatta non da una donna culturalmente sprovveduta, ma da una filosofa, assistente universitaria di E. Husserl, poi convertita. Lei stessa impegnata, con varie conferenze, sul versante del movimento femminista del tempo. La Stein è arrivata a questa affermazione analizzando l’intero vissuto di Maria di Nazaret. Nel suo essere vergine, madre, sposa, nel suo impegno a sostenere, pur tra sofferenze, la causa del suo Figlio fino all’Ora della croce, nel suo modo di credere a Dio e di accettare liberamente il suo progetto sulla sua vita, Maria ha posto le basi della sua grandezza e della sua fama che ha sfidato e superato l’usura di venti secoli di storia.

La mostra è stata pensata a più livelli e parte, attraverso alcune icone antiche e moderne, dal racconto della vita di Maria che ha il proprio “culmine” nella maternità. Una Madre che custodisce il proprio figlio, lo protegge, non tanto per sé, ma per tutta l'umanità. Nei livelli successivi, attraverso immagini e sculture contemporanee, si inoltra nel mistero del suo sguardo, delle sue espressioni di donna, non solo madre, ma anche sposa, protagonista assoluta nella storia dell'uomo. Alcune opere grafiche e interpretazioni della maternità e della famiglia vengono proposte attraverso lo sguardo dei bambini della scuola primaria coinvolti in questo ripensamento.

Cinque le sezioni: La vita di Maria nelle icone antiche e moderne, Maria in Moretto e nei pittori intorno a lui, l’interpretazione di artisti contemporanei, le iconografie mariane attraverso la reinterpretazione grafica e quella dei bambini.

La mostra organizzata dal gruppo di animazione culturale Nexus della Parrocchia di Ghedi e curata da Luciano Baiguera e Margherita Sommese verrà inaugurata venerdì 23 ottobre alle ore 20.30.

L’inaugurazione della mostra sarà preceduta da una conferenza introduttiva con l’accompagnamento musicale della Schola Cantorum della Basilica della Visitazione di Bagnolo Mella diretta da Franco Cucchi. Durante l’apertura saranno organizzate, su prenotazione, visite guidate riservate a Scuole e a gruppi del territorio. Al termine della conferenza della serata inaugurale verrà fatta per i presenti una visita guidata in anteprima. Alcuni eventi paralleli faranno da cornice e da arricchimento a questa iniziativa, MARTEDI 27 OTTOBRE ORE 20.30 nella chiesa Parrocchiale Santa Maria Assunta – Ghedi verrà presentata la figura di Maria nelle opere della Parrocchiale con Don Giuseppe Fusari, Direttore del Museo Diocesano di Brescia e con la partecipazione di Sonia Piccioni (Soprano), Nicola Bonini (tenore) e Virginio Mariotti (organista).

La mostra chiuderà l’8 Novembre e sarà aperta nei seguenti giorni e orari:

Orari:    Sabato, Domenica e festivi ore 09.00 – 12.00    15.00 – 18.30

                Giovedì  09.00 – 12.00

                Gli altri giorni apertura per gruppi con visita guidata su prenotazione.

                Per informazioni e prenotazioni: http://nexusghedi.blogspot.it/ Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

                tel. 3317634299 (Merice)

 

 

 

 

 

Parrocchia Ghedi

Parrocchia Santa Maria Assunta
Via Repubblica 1
25016 Ghedi (BS)

   030 901204
  info@parrocchiadighedi.it

Seguici sui Social

Facebook
Twitter
 
Joomla Template - by Joomlage.com